“ Il Collettivo Rapido è metaforicamente come un cuore, dove ogni artista fisso è un arteria, una valvola, una parete, e gli artisti “guest” sono come il sangue che entra nel cuore, per poi lasciare spazio ad altro sangue”

Francesco parla del Collettivo Rapido.