Trasalimenti & Gabriele Di Pietro



Trasalimenti è un progetto di Gabriele Di Pietro. Un Progetto per L'ARTE contemporanea
Ne parlo perchè, ne sono venuto a contatto per caso, grazie ad una domanda fatta da Gianluca in quel strano contesto che Answear di Yahoo, dove ad una domanda ci sono almeno tre o quattro utenti collegati che rispondono. Dicevo per caso, Gabriele rispose alla domanda: "Sapete cos'è il Collettivo Rapido?" Lui si incuriosì e domandò ancora più cose fino a quando mi chiamò a telefono in una tarda sera di inizio febbraio.

"Pronto Liggieri? Sono Gabriele Di Pietro".

Da quella telefonata sono passati mesi, un duro lavoro da entrambi le parti e un affiatamento che difficilmente sarebbe nato in quest'era di Internet dove tutto è un pò "distaccato". Sapevamo entrambi che nessuno dei due voleva perdere tempo e che entrambi volevamo fare qualcosa di GRANDE. Castellarte 2007, in quel di Montepagano è nato sotto le cure amorevoli di un uomo che ha saputo riportare  agli occhi della gente, il vero senso dell'arte, avvicinare l'arte alla gente. Un lavoro difficile, genuino, semplicissimo, che spesso sembra impossibile oggi giorno. Tutto questo Gabriele è riuscito a farlo, grazie alla sua ormai decennale esperienza nel mondo dell'arte, dove in quell'esperienza vive Trasalimenti questo contenitore, ( che coincidenza anche il C.R. è un contenitore...le cose non accadono mai per caso....c'è sempre una logicità) fruibile di mostre, eventi, centinaia di artisti che vengono a contatto con questa realtà. Trasalimenti per me che l'ho vissuto , è come una nave che ti traghetta su un luogo quasi dimenticato che è la semplicità e la genuinità dell'Arte, quella lontana dai fronzoli delle aste e dai prezzi di capogiro delle cosidette opere moderne.
Mi sento di dire che in questo contesto di Arte ,sempre più "malata" dove la voce grossa la fanno spesso persone che con l'arte hanno poco a che fare, Trasalimenti è qualcosa di unico, come una perla nera in un ostrica trovata chissà dove.


Francesco.

visitate: