Vi Invitiamo a Serial!








 

 







COLLETTIVO RAPIDO -  Serial

I cinque giovani artisti del Collettivo espongono alla Galleria d’Arte l’Occhio a Venezia, dal 7 al 16 novembre 2008.

 

 

Il progetto “Serial” si inserisce nell’ambito degli eventi espositivi di Accade 2008 – Mutazione contemporanea, promossi dall’Associazione culturale no profit Attivarte.

 

I cinque giovani membri del Collettivo Rapido: Francesco Liggieri, Andrea Magaraggia, Mirko Morello, Michela Pedron e Gianluca Sanvido, curati da Giovanna Borrillo, espongono i loro lavori alla Galleria d’Arte l’Occhio, a Venezia, dal 7 fino al 16 novembre 2008.

 

“Serial”, un progetto che affonda le sue radici nella questione della serialità dell’arte e del mondo contemporaneo, nasce in origine dall’interesse dei membri del Collettivo per la metamorfosi, la trasformazione continua, che, già caratteristica del fare artistico, contraddistingue oggi sempre di più anche la vita quotidiana.

Il progetto, che preesiste ed è anche autonomo rispetto ad Accade, ben si sposa tuttavia a quella che è la tematica scelta per l’edizione 2008, ovvero la mutazione contemporanea. Se infatti è vero che Accade 2008 ha identificato in Walter Benjamin,e, in particolare, nel suo saggio “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica”, una delle fonti principali cui fare riferimento per la realizzazione del suo ‘concept’ espositivo, allora i lavori del Collettivo Rapido si inseriscono appropriatamente in questo contesto.

Benjamin, le cui riflessioni sugli avanzamenti della tecnica e le sue ripercussioni sull’arte e la società intera sono alla base di ogni indagine successiva in proposito, contraddistinguendosi così per un’estrema modernità, è l’autore forse più facilmente avvicinabile alle opere proposte dal Collettivo, ma rappresenta tuttavia solo un elemento del patrimonio ideologico di questi artisti, che conoscono ed hanno fatto tesoro di tutto quanto, artisticamente e non, è avvenuto anche dopo Benjamin.

Alcuni dei lavori presentati per “Serial” possono quindi essere ricondotti alle modalità pop, anche se per strade diverse: a volte è l’estetica volutamente kitsch (Pedron), altre volte è un’interpretazione letterale del termine ‘popular’, ovvero popolare, accessibile a tutti e che riguarda ognuno (Liggieri), altre ancora è l’uso seriale del medium artistico, sia che questo risulti intrinsecamente riproducibile (Magaraggia) o meno (Morello, Sanvido).

Ne nasce così un’esposizione variata, dove diverse idee ed espressioni artistiche si incontrano, affrontando, ognuna a suo modo, il tema cardine ‘serial’, in un confronto senza vincitori in pieno stile Collettivo Rapido.

 

 

Il Collettivo Rapido, nato nel 2005 dalla mente di Francesco Liggieri,  è un gruppo di giovani artisti che consta di un nucleo fisso di cinque elementi a cui, a seconda dei casi, si possono aggiungere o meno altri membri, ad integrazione ed espansione di ogni singolo progetto.

Il Collettivo si contraddistingue fin dall’inizio per la felice unione di creatività artistica, basata sul gusto per la continua evoluzione e trasformazione, ed attenta conoscenza del mondo dell’arte, quasi a diventare uno staff  di artisti-manager, art director di se stessi.

La rapidità nel realizzare i propri progetti, sottolineata dal nome stesso del gruppo, e l’efficacia delle proprie iniziative, hanno portato ad un’intensa attività espositiva, che dal 2006 ad oggi, annovera mostre quali:

Gennaio 2006: Collettivo Rapido, Dis-Nascondimento, Centro Culturale Mediatico CZ-95, Giudecca, Venezia.

Aprile 2006: Collettivo Rapido, Untitled, presso l’Associazione Culturale Spiazzi, Venezia

Aprile 2006: Private Gallery, Happening, inaugurale presso l’Associazione Spiazzi, Venezia.

Luglio 2006: Collettivo Rapido, Big Bang Parte Prima, Madrid.

Aprile 2007: Collettivo Rapido, Senza Peso, presso Spazio Mondadori, Venezia, a cura di Amerigo Nutolo

Luglio 2007: Collettivo rapido viene invitato alla Notte Bianca, Padova.

Luglio/Agosto 2007: Collettivo Rapido viene invitato a Trasalimenti 2007, esposizione in Abruzzo, (retrospettiva Fabio Mauri), a cura di Gabriele di Pietro.

Giugno 2008: Collettivo Rapido, Achtung! Riva del Garda, nel contesto Arte in Hotel, a cura di Elsa Gipponi.

 

Fino a giungere al presente, in cui il Collettivo si cimenta con un nuovo tema, quello di “Serial” appunto, ed espone per la prima volta in una galleria privata, incontrando Elisabetta Donaggio, gallerista che da sempre lavora con i giovani artisti e che, volendo ospitare il Collettivo, ha dimostrato di essere aperta e ben disposta verso quella poliedricità e sperimentazione continua che contraddistingue il “marchio” Collettivo Rapido.

 Principali collaboratori e partner culturali:

Galleria A+A di Venezia – Centro Espositivo Pubblico Sloveno

 

Fondazione Bevilacqua La Masa

 

GAI – Archivio Giovani Artisti Italiani del Comune di Venezia

 

Assessorato alle Politiche Giovanili e alla Pace del Comune di Venezia

 

Provincia di Venezia

 

Exibart

 

Toletta Studio LT2

 

Galleria Contemporaneo – Centro Culturale Candiani di Mestre

 

Accademia di Belle Arti di Venezia

 

Associazione Culturale Italo-Tedesca di Venezia

 

ISR – Spazio Culturale Svizzero

 

Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica

 

Associazione Culturale Italo-Francese/ Alliance Française.

 

Iniziativa realizzata grazie al contributo e al patrocinio di

Regione Veneto

Sponsor

BCC Credito Cooperativo veneziano

San Marco Hotel

 

 

 

Con gentile preghiera di pubblicazione/diffusione